Nuovi studi sulla pericolosità degli alimenti OGM

 

New Study Proves GMOs Cause Severe Inflammation of the Stomach and Abnormally Enlarged Uteri in Pigs

Da www.occupymonsanto360.org      fonte: http://www.organic-systems.org/journal/81/8106.pdf e www.  http://sustainablepulse.com

By Fritz Kreiss

A new study by scientist Judy Carman, PhD. that was just published in the peer reviewed journal Organic Systems on the effects of a (now normal) diet of mixed GMO feeds for pigs causes some disturbing health problems, particularly regarding the digestive and reproductive systems and a likely strong involvement of the endocrine system.  Like the now famous Seralini GMO study on rats, this one was also designed as a “lifetime” test but was not designed for the natural life span of 10 years or so that domesticated pigs could have, instead it was based on a lifetime of approximately 6 months which is the norm in today’s pig industry.  The industry standard for previous GMO tests is a mere 90 days on rats, and of course this standard was set by Monsanto itself since they have never allowed independent testing of their controversial GMOs (they actually tested them for more than 90 days but stopped testing and hid the results of everything after that point, likely due to evidence that GMOs are and were harmful to their health). One of the general findings of this study were that the pigs fed GMO feed after being weaned from their mothers were approximately 2.6 times more likely to have severe inflammation of the stomach and stomach lining.  The precise causes of this dramatic increase in inflammation are not fully known at this time, only that GMOs were proven well beyond the point of statistical significance to be the cause, and the authors of the study are calling for further research into the matter with future more focused studies.  The general belief of the possible cause is that the Cry proteins from the Bt toxin producing/containing GMOs are likely much worse for humans than previously believed, as they have been found to be forming bonds and avoiding digestion in previous tests on both mice and pigs throughout not only the stomach but the vast majority of the digestive tract.  While neither pigs nor us are insects, it’s worth noting that these proteins are chosen as a potent insecticide because it has similar actions on their digestive systems, only magnified to be strong enough to rupture their stomachs completely in a short period of time.  It’s also important to consider when looking at this study that the findings are very conservative and understated as all the test pigs were born to and raised by GMO fed sows before being weaned and entered into the test, and even the non-GMO fed test subjects were fed with feed tainted with approximately 1% GMOs as that is the norm in US without going to extra lengths to find a purer source.  Inflammation of this type and degree can cause numerous health complications in the long term, up to and including cancer.

The other very notable finding of this study is that the GMO feed caused the female pigs to have their uteri (uterus) enlarged by an average of a disturbing 25%!  The exact reason(s) for how and why this occurred was not fully discerned by the study but is believed to be pathological, as they stated:

“The reported difference in uterine weight warrants further investigation in future studies because such a biologically significant difference in uterine weights may reflect endometrial hyperplasia or carcinoma, endometritis, endometriosis, adenomyosis, inflammation, a thickening of the myometrium, or the presence of polyps. The uteri from two GM-fed pigs were full of fluid compared to nil from non-GM-fed pigs (Table 3) which may be linked to pathology. The link between an increase in uterine weights and GM feeding is supported by other authors (Brasil et al., 2009) who found that GM soy-fed rats had a statistically significant 59% increase in the density of the uterine endometrial glandular epithelium compared to rats fed an equivalent organic soy diet. Further studies should include histology, blood oestrogen, progesterone and cytokine concentrations, and which GM crop(s) and their GM protein products may, or may not, be involved. As this study used neutered males, further studies are required to investigate any potential effect of these crops on male reproduction. Multigenerational reproductive studies should also be considered”.

In conclusion, considering the evidence this study and the fact that pigs are so consistently fed a fully GMO diet in modern conventional and factory farming and have a great deal in common with humans in terms of genetics and physiology, much more testing and in depth study of the effects of these foods on our health is called for, especially considering how impressively these experimental crops have embedded themselves into the food supply of the US and many other countries.  Long term testing in particular is especially important as the majority of health problems showing to be related to or caused by GMOs are chronic ones that take time to show up and/or greatly compound over time.

About Fritz Kreiss

Fritz Kreiss is the founding head of Occupy Monsanto. He has a history in natural health, nutrition, herbal medicine, Eastern Medicine, acupuncture, kinesiology, physiology, and many years of practice as a professional massage therapist and teacher.

 

 

Annunci

La mela, il chemioterapico biologico più potente.

Dal blog di Andrea Conti ( http://contiandrea.wordpress.com/  ) questo interessante articolo che posto molto volentieri. “Una mela al giorno toglie il medico di torno” diceva la saggezza popolare e forse la ricerca potrà dare ragione ad essa. Qui potete leggere l’abstracta del lavoro pubblicato dairicercatori cinesi:http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23511050)

Il chemioterapico più potente? Senza dubbio la mela.

Immagine

 “Gli oligosaccaridi contenuti nelle mele uccidono fino al 46 % delle cellule tumorali del colon umano in vitro, superando il farmaco chemioterapico più comunemente usato .”
Dice una ricerca condotta da alcuni ricercatori universitari a Xi’an, in Cina.
A differenza dei farmaci chemio tossici, gli oligosaccaridi contenuti nella frutta, sono naturali e a difesa della salute . Una soluzione naturale per una delle principali cause di morte per cancro?

Il cancro del colon è attualmente la seconda causa di morte per le donne di tutto il mondo, e la terza causa per gli uomini. Lo standard di cura chemioterapico produce un successo limitato, e può avere effetti collaterali gravi come lo spasmo coronarico, neurotossicità, anemia, e immunosoppressione.  I ricercatori hanno valutato l’efficacia delle mele come mezzo naturale per il trattamento e la prevenzione del cancro del colon, perché sono il frutto più consumato in molti paesi, e hanno già dimostratola loro grande efficacia contro il cancro al seno, cancro ovarico, tumore al polmone, cancro al fegato, e il cancro del colon. I ricercatori hanno confermato che gli oligosaccaridi delle mele sono più efficaci dei farmaci chemioterapici a uccidere le cellule del cancro del colon.

I ricercatori universitari a Xi’an, in Cina hanno isolato gli oligosaccaridi (fibre pectina e altri) dalla mela essiccata e li hanno trattati con pectinasi naturale per abbattere le loro molecole in piccoli oligosaccaridi . 
Gli oligosaccaridi sono stati quindi aggiunti a colture di cellule di cancro del colon umano HT29 in varie concentrazioni, e confrontato con il farmaco chemioterapico più comunemente usato per il cancro del colon. Per ogni concentrazione testata, gli oligosaccaridi hanno ucciso 17,6 % delle cellule del cancro del colon dopo 36 ore, mentre il farmaco chemioterapico ha ucciso solo il 10,9 % delle stesse cellule tumorali.
Un ottimo risultato, tenendo anche presente che gli oligosaccaridi non sono tossici per le cellule sane, mentre il farmaco chemioterapico lo e’. Gli oligosaccaridi sono presenti in natura in molte piante (frutta, verdura e alghe), che va consumata cruda e fresca per ottenerne il meglio dei nutrienti essenziali.
Questo nuovo studio aggiunge ulteriori prove agli effetti sulla salute della frutta ed in particolare delle mele e ne sottolinea i potenti effetti anti-cancro anche a bassa concentrazione. 

Il fatto che gli oligosaccaridi possono essere derivati da un prodotto di scarto ampiamente disponibile dell’industria che produce succo di mela offre una buona promessa per ottenere una medicina naturale a basso costo per il futuro.

Gli incalcolabili danni degli insetticidi

Un blog ben fatto e ricco di info e riferimenti alle fonti. Vi consiglio la lettura di questo articolo dove troverete anche gli strumenti per approfondire l’argomento.

Oltre alle api anche le libellule. L’uso degli insetticidi e la sparizione degli invertebrati | Blogeko.it.

Immagine

Il Bicarbonato anticancro inguaia le case farmaceutiche.

Un argomento non nuovo ma che merita di essere seguito. Vi riporto la notizia ripresa da un blog italiano che potete leggere in originale sul sito del Centro per il Cancro dell’Universita dell’Arizona ( http://azcc.arizona.edu/node/4187 ). E’ probabile che in elementi semplici, poco costosi, alla portata di tutti, potrebbero nascondersi risposte molto interessanti per risolvere anche gravi patologie. Ma tali elementi, poichè non brevettabili e quindi vendibili a caro prezzo, non interessano alle grandi case farmaceutiche.Motivo per il quale la ricerca, finanziata per la maggior parte da aziende private, non lavora in tali direzioni. Viene spontaneo pensare all’esperienza tutta italiana dell’ascorbato di Potasssio

L’ascorbato di potassio è legato agli studi ed alle ricerche del biochimico fiorentico Gianfrancesco Valsé Pantellini, e la sua “storia” è iniziata nel 1948 quando un orafo, amico dello stesso Dott. Pantellini, malato di cancro inoperabile allo stomaco ebbe dei risultati inaspettati ed assolutamente straordinari assumendo delle limonate in cui per errore inseriva del bicarbonato di potassio invece dell’usatissimo bicarbonato di sodio. Per circa vent’anni Pantellini ha studiato ed analizzato il problema, arrivando a fare due pubblicazioni specifiche nel 1970 e nel 1974 (Rivista di Patologia Medica). Potete approfondire direttamente sul sito della Fondazione: http://www.pantellini.org.

Immagine

Gianfrancesco Valsè Pantellini

Dr.MARK PAGEL DELLA UNIVERSITY OF ARIZONA CANCER CENTER

riceverà 2 milioni di dollari dal National Institutes of Health per studiare l’efficacia della terapia personalizzata con bicarbonato di sodio per il trattamento del cancro al seno. In realtà, il bicarbonato di sodio è una delle cure più efficaci contro malattie acute come influenza e raffreddore, inoltre, se assunto per via orale e transdermica, ecco che il bicarbonato diventa una prima cura per il trattamento del cancro, malattie renali, diabete e, come detto prima, raffreddore e influenza.In sostanza, il bicarbonato agirebbe sul grado di acidità del nostro sangue. Il pH del nostro sangue e dei nostri fluidi corporei non rappresenta altro che il nostro stato di salute e il bicarbonato rappresenterebbe un vero e proprio regolatore del pH agendo direttamente sul livello acido-alcalino alla base della salute umana.La scala del pH è come un termometro del nostro stato di salute a tal punto che valori al di sopra o al di sotto di 7,35-7,45 possono segnalare sintomi di malattie o patologie gravi. Difatti, quando il corpo non riesce più a neutralizzare gli acidi, essi vengono trasferiti nei fluidi extracellulari e nel tessuto connettivo recando danni all’integrità cellulare. Tanto più il nostro sangue è acido, tanto più manca ossigeno, elemento fondamentale per il funzionamento delle nostre cellule.

 

PER FARVI UN ESEMPIO

Un lago colpito da piogge acide, vedrà i suoi pesci morire soffocati per non disponibilità di ossigeno. Per riportare il lago in vita, e per portare ossigeno, bisogna alcalinizzare l’acqua. Questo esempio è fondamentale in quanto il cancro è sempre legato ad un ambiente acido (mancante di ossigeno). Un altro esempio è riconducibile all’effetto negativo dello smog e dell’inquinamento. Come sappiamo, l’inquinamento diminuisce l’ossigeno e ben conosciamo come l’inquinamento influisce in modo negativo sul nostro stato di salute. In tutto ciò, per praticare la cura del pH, non bisogna essere medici ma bisogna semplicemente capire qual è il funzionamento della cura e agire di conseguenza.Quali ripercussioni per le case farmaceutiche? Sicuramente risentirebbero negativamente in quanto diminuirebbero domanda e consumi per medicinali chemioterapici, per la cura del cancro in genere, per la cura delle malattie come diabete e malattie più comuni come influenza e raffreddore. Un bel problema per le case farmaceutiche, un problema risolto per la nostra salute e per il nostro benessere.

http://www.ilfattaccio.org/2012/10/05/il-bicarbonato-anticancro-inguaia-le-case-farmaceutiche/

Lapacho l’albero che cura candidosi ed infezioni intestinali.

 

Una pianta dalle interessantissime proprietà non ancora conosciuta come meriterebbe: ecco un estratto di ciò che ne scrive Michael T. Murray nel libro Il potere delle piante medicinali

 Uso tradizionale.

Gli indigeni nativi del Brasile fanno riferimento al Lapacho, anche come Pau d’Arco o Ipe Roxo. Essi utilizzano la corteccia interna come rimedio tradizionale per un’ampia varietà di affezioni, inclusi foruncoli, colite, dissenteria, enuresi notturna, febbre, mal di gola, ferite, tumori, ulcere, disturbi respiratori, artrite, cistite, stipsi, prostatite e disturbi circolatori.

Farmacologia

Nell’ultimo secolo, il Lapacho, conosciuto anche come Tabebuia, è stato sottoposto a numerose sperimentazioni. Il primo principio attivo ad essere studiato fu il lapacholo; tuttavia, è interessante notare che in molti studi sono stati ottenuti risultati significativamente migliori con l’estratto totale, mentre l’efficacia si riduceva a mano a mano che gli estratti venivano raffinati o con l’uso di principi attivi singoli.

Attività antibatterica

Nel 1956, un gruppo di ricerca (Università di Recife ) isolò il lapacholo dall’albero di Tabebuia avellanedae. De Lima e coll. dimostrarono un’attività antimicrobica contro i batteri Gram+ e acid-fast e una forte attività contro le specie di Brucella. E’ importante notare che De Lima riscontrò che, con progressive purificazioni, l’attività antimicrobica dell’estratto diminuiva: gli autori conclusero che più principi attivi erano presenti nell’estratto. Più tardi, lo stesso gruppo di ricerca pubblicò uno studio in cui si proclamava la scoperta di una nuova sostanza antibiotica tratta dalla Tabebuia avellanedae, che dimostrava “ una potente azione anti-Brucella ed un comportamento micostatico”: l’estratto dell’albero di Tabebuia conteneva alfa-lapachone, beta-lapachone, ed un nuovo chinone, che chiamarono xiloidone.

Nel 1967, all’Università di Alberdeen, Burnett e Thomson scoprirono nel duramen dell’albero sette naftochinoni, nove antrachinoni, lapachenolo, quercetina ed acidi o- e p-idrossibenzoico. Diversi di questi hanno una forte attività battericida e fungicida. I naftochinoni sono molto attivi contro la Candida albicans e il Trichophyton mentagrophytes. Il lapacholo ha dimostrato di possedere attività antimicrobica ed antivirale ed il beta-lapachone un’attività antiparassitaria diversificata ed antivirale. L’alfa-lapachone è risultato attivo anche contro certi parassiti e lo xiloidone era attivo contro numerosi batteri e funghi come Staphilococcus aureus e le specie di Brucella. Anche gli agenti causali della tubercolosi, della dissenteria e dell’antrace vengono inibiti dallo xilodone. Oltre alla sua attività contro una gran varietà di batteri, questo chinone inibisce diverse specie di funghi ( Candida albicans, Candida kruzei e Candida neoformans ).

Immagine

L’ungheria sta bruciando le coltivazioni con semi OGM Monsanto

Questa è una bella notizia speriamo che altri paesi seguano l’esempio!
L’ Ungheria ha deciso di eliminare tutte le piantagioni realizzate con semi OGM di Monsanto. Secondo il ministro per lo Sviluppo Rurale Lajos Bognar, sono stati bruciati questa settimana circa 500 ettari di colture di mais – pari a cinque milioni di metri quadrati. L’intenzione è che il paese non abbia più un solo frutto proveniente da materiale geneticamente modificato .Secondo le informazioni del portale Real Pharmacy divulgato ieri (23), i campi di grano sono stati distrutti in tutto il territorio ungherese ed erano stati di recente impianto. Solo così il polline di mais TOSSICO che stava per essere disperso nell’aria, non sarà quindi pericolo per la popolazione.
Gli ungheresi sono il primo a prendere una posizione forte in seno all’Unione europea in relazione all’uso di semi transgenici. Nel corso degli ultimi anni, il governo ungherese sta distruggendo diverse piantagioni di materiali derivati dalla Monsanto. Il ministro dice che i produttori dei paesi Bognar sono tenuti a garantire che non utilizzano sementi geneticamente modificate.
L’Unione europea ha una politica di libera circolazione dei prodotti all’interno dei paesi del blocco. Così le autorità ungheresi, CHE HANNO BANDITO L’OGM dal 2011, non possono indagare su come i semi raggiungono il loro territorio. Tuttavia, ha detto Lajos Bognar, “che non ci impedisce di indagare in profondità l’uso di questi semi nel nostro territori
Secondo la stampa ungherese, il paese ha ancora migliaia di ettari in queste condizioni. Sempre secondo il portale Portogallo Mondiale agricoltori si difese contro l’accusa di utilizzare materiale geneticamente modificato. Essi sostengono che non sapevano che si trattava di semi di Monsanto
Poiché il periodo fertile per le piantagioni è già oltre la metà, è troppo tardi per ripiantare nuovi semi. Così, il raccolto di quest’anno è andato completamente perso. E a peggiorare le cose per gli agricoltori, la società che ha distribuito i semi OGM è fallita – il che impedisce ogni possibilità di risarcimento.        http://chiarapriorini.blogspot.it/
Immagine